Prima Pescara

Armando Cermignani

Nella rassegna di personaggi celebri, nati nella nostra città, conosciamo insieme un noto artista.

Foto del Senatore Armando CERMIGNANIArmando Cermignani  nacque a Castellammare Adriatico il 22 febbraio 1888, fu artista poliedrico, fu incisore xilografo, ceramista e pittore. Era figlio d'arte e si dedicò agli studi superiori frequentando l'Accademia delle Belle Arti di Bologna. L'ispirazione gli venne dal marchigiano Adolfo De Carolis, che fu suo insegnante e lo avvicinò alla Xilografia. Quest’ultimo collaborava, in quel periodo, con Gabriele d'Annunzio che voleva realizzare delle copie pregiate delle sue opere con edizioni illustrate.

Grazie alle sue capacità divenne anch'egli illustratore di opere letterarie per le case editrici La Terza, Sten di Bologna e di Bari, Ricciardi e altre.

All'età di 26 anni partecipò alla redazione dell'Illustrazione Abruzzese e dell'Illustrazione Italiana del Cascella.

Allo scoppio della I^ Guerra Mondiale aveva maturato l'età per partire e partecipò al conflitto come volontario. Fu ferito e fatto prigioniero ed inviato in un Lager in Germania (Celle). Finita la Guerra tornò a casa dove si dedicò all'insegnamento del disegno geometrico presso l’Istituto tecnico “Tito Acerbo” di Pescara, senza trascurare le illustrazioni in collaborazione con le riviste Emporium ed Eroica illustrando per quest’ultima i volumi Vittorio Veneto, Lettere di Paolucci De Calboli e della sua fidanzata, La Baisnizza. La sua arte fu tramandata anche grazie all'illustrazione pubblicitaria delle etichette del liquore Aurum.

Come pittore si ricordano in maniera particolare la decorazione della Cappella Acerbo a Loreto Aprutino e le opere lasciate nel paese di Pietracamela. Nel corso degli anni trenta il suo studio pescarese fu frequentato da numerosi artisti quali Giuseppe Di Prinzio, Giuseppe Misticoni, Pasquale De Antonis e Nicola Febo. Il luogo, pur conosciuto come ambiente culturale, fu sospettato di favorire incontri eversivi antifascisti e di conseguenza fu chiuso dalla polizia con divieto di riunione. Grazie alle sue idee dopo la Liberazione venne nominato Prefetto di Pescara intraprendendo una proficua carriera politica. Già Consigliere comunale a Pescara venne eletto il 18 aprile 1948 nella prima legislatura e successivamente il 7 giugno 1953, fu eletto Senatore nella seconda legislatura. All'interno del Parlamento italiano appartenne al Gruppo del Partito Socialista italiano  e si occupò, nella 6^ Commissione permanente di Istruzione pubblica e belle arti, ricoprendo dal 28 luglio 1953 al 19 ottobre 1957 anche l'incarico di Vicepresidente di Commissione. Armando Cermignani morì a Roma il 19 ottobre 1957.
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: