Prima Pescara

Camera dei Deputati – 14 febbraio 1893. Interrogazione di L. De Riseis

01Nel gennaio del 1893 le ferrovie decisero di rivedere orari e fermate, così come accade di sovente anche ai giorni nostri. Ma in quell’epoca il treno era un vero motore di sviluppo tanto che la soppressione di alcune fermate portò addirittura ad una interrogazione parlamentare da parte del Deputato De Riseis al ministro dei lavori pubblici.

Dagli atti dell’interrogazione si evince che il Barone De Riseis, allora Deputato al Parlamento italiano, richiedeva di ripristinare le fermate nei vari paesi della Provincia. Paesi che oggi sono semi abbandonati ma che allora evidenziavano un fiorente sviluppo economico e demografico. E’ singolare notare che la fermata di Pescara viene citata per la tratta Adriatica, mentre quella di Castellammare Adriatico per la tratta verso Sulmona, Roma.

02Soppressione del treno notturno, soppressione di fermate, rivisitazione di orari. Hanno portato un grande beneficio ed un grande risparmio in ordine ai tempi di percorrenza, ma hanno creato un danno enorme alle popolazioni. Ragioni di vitale interesse per una regione così poco servita dalle ferrovie.

L’Abruzzo infatti, fino a poco prima dell’arrivo dei Savoia era terra difficile da attraversare con strade di montagna aperte solo dopo lo scioglimento delle neve e briganti permettendo. L’arrivo della ferrovia, ai primi anni ’60, contribuì alla nascita di un’economia, non solo a carattere locale, ma a diffusione interregionale. Nacque il turismo.

03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Post Navigation

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: